Main menu

Trasfusioni

Presso la nostra clinica è possibile effettuare trasfusioni a pazienti che ne necessitano esclusivamente su richiesta . Viene testato il paziente ricevente per determinarne il gruppo sanguigno, si esegue una ricerca tra i donatori disponibili, si procede quindi per il corretto prelievo previo controllo analitico del donatore che deve risultare di sana e robusta costituzione esente da malattie infettive ed infestive. Quindi si procede per la donazione del sangue richiesto.

Dateci una zampa!

Grazie alla generosità di molti proprietari, abbiamo salvato molte vite! Tuttavia, la richiesta di sangue è sempre in aumento ed i donatori sono un numero ristretto, per questo motivo cerchiamo di sensibilizzare i nostri clienti che hanno un animale sano e forte a donare, così facendo potremmo sopperire sempre più alla richiesta di sangue.

Informazioni per i proprietari

Per i proprietari che volessero far rientrare il loro animale in un programma donazioni, informiamo che i requisiti fondamentali per essere donatore, sono valutati dai veterinari del nostro centro grazie ad una serie di esami ematologici e clinici per determinare lo stato di salute, ed accertare l'idoneità dei donatori. I donatori, devono godere di ottima salute, avere un età compresa tra 1 e 8 anni, regolarmente vaccinati, con pesi che siano dai 20kg per il cane e 4 kg per il gatto, che non abbiano assunto farmaci. I proprietari che decideranno di far donare il sangue al proprio animale, riceveranno una visita gratuita e tutti gli esami ematici per stabilire l'idoneità alla donazione e godranno di altre opportunità offerte dalla clinica relative ai servizi espletati.

Quanto dura il prelievo?

Il prelievo dura 15 minuti circa.

Quante volte viene prelevato il sangue?

La donazione del sangue è prevista per un massimo di 3 volte all'anno.

È doloroso ed invasivo?

No il prelievo non è assolutamente doloroso e non è invasivo.

Il mio animale ha un vantaggio dal prelievo?

I soggetti donatori, riceveranno delle visite di controllo gratuite e delle offerte riservate, oltre al riconoscimento etico e morale dai proprietari che grazie alla trasfusione hanno ritrovato la felicità del proprio animale.

Informazioni per i colleghi veterinari

È possibile richiedere unità di sangue intero secondo la disponibilità del momento.

Determinazione gruppi sanguigni

Come accade per gli uomini, anche nei nostri animali domestici, si parla di gruppi sanguigni. La loro determinazione si basa sulla presenza di specifiche glicoproteine, gli antigeni (Ag), che si trovano sulla superficie dei globuli rossi, gli antigeni di gruppo sanguigno sono determinati geneticamente e trasmessi per via ereditaria. Ogni animale ha la capacità di produrre, in seguito ad una sensibilizzazione, degli anticorpi (Ac) nei confronti di antigeni non presenti sui globuli rossi. Cani e gatti hanno sierotipi diversi, quando il ricevente ha un gruppo sanguigno diverso da quello del donatore ,il sistema immunitario del primo può attaccare i globuli rossi del secondo, causando una reazione acuta emolitica trasfusionale. Il gatto ha tre diversi sierotipi (A, B, AB), la maggior parte dei gatti Comuni Europei è di tipo A, mentre ci sono razze selezionate (Abissino, Burnese, British shortair, Devon rex, Himalayano, Persiano, Scottish fold, Somalo) che hanno un'incidenza maggiore di sangue di tipo B. Il cane presenta numerosi gruppi sanguigni (DEA, Dog Erythrocite Antigen) classificati da DEA 1 a Dea 7. la maggior parte delle reazioni trasfusionali riguarda i gruppi DEA 1.1, 1.2, o 7, quindi i soggetti donatori devono essere negativi per questi gruppi. Il gruppo DEA1.1 è dominate sugli altri ed è realmente immunogeno per cui è fondamentale testare i soggetti per questo gruppo. Nella specie canina non sono presenti anticorpi naturali clinicamente importanti contro gli antigeni dei globuli rossi per cui in linea teorica è possibile eseguire la prima trasfusione “alla cieca”. Dopo una trasfusione tra soggetti non compatibili, però, gli anticorpi si possono formare compromettendo la possibilità di eseguire successivamente trasfusioni sicure. Inoltre, nel caso la trasfusione venga eseguita tra soggetti non compatibili, la sopravvivenza dei globuli rossi trasfusi potrebbe essere ridotta per cui potrebbe essere necessaria una nuova trasfusione in un soggetto che potrebbe essere stato sensibilizzato. Per questi motivi anche nel caso di una trasfusione fatta per la prima volta meglio determinare prima il gruppo sanguigno dei cani e, quindi, eseguire le prove di compatibilità per svelare un’eventuale compatibilità/incompatibilità sierologica tra donatore e ricevente.