Main menu

Patologie riproduttive e neonatologia

È attiva presso la clinica veterianria Roma Eur, una sezione dedicata alla riproduzione e alla neonatologia canina, ma anche per gatti ed altri animali d'affezione. Eseguiamo vaccinazioni e sucessivi richiami su tutti gli animali da compaglia, oltre a vari tipi di test su soggetti in gestazione o per esemplari a rischio. In questa sezione vengono studiate una serie di servizi strettamente legati alla riproduzione e alla prima fase di vita dei cuccioli. Si eseguono esami di tipo endoscopico, sierologico, monitoraggio ovulazione, ma anche prelievo seminale, visite per fertilità ed inseminazione artificiale. Uno dei problemi che si riscontrano sempre più frequentemente in molte razze di cani è la sterilità che ovviemente è molto differente tra maschio e femmina.

Sterilità e malattie dell' apparato riproduttore del cane

Per i cani maschi la sterilità è spesso causa di patologie ai testicoli o alla prostata oppure in seguito a una febbre molto alta e prolungata o in alcuni rari casi all' ipoattività della tiroide e comunque sono malattie che sono difficilmente pericolose e si curano con facilità magari semplicemente integrando la dieta con elementi che spesso mancano e creano degli scompensi. Altre patologie più complesse oltre a neoplasie ed infezioni, sono il fenomeno del testicolo ritenuto che rimane interno e non scende ed è spesso una patologia ereditaria. Il testicolo ritenuto viene tolto chirurgicamente vista la forte incidenza di tumori. Per le femmine invece non è sempre facile capire le cause di sterilità. Sicuramente una dose di ormoni nella fase del calore aiuta a capire se è una sterilità temporanea o congenita e si procederà di conseguenza. La cagna a differenza del cane maschio potrebbe essere colpita da disturbi all' apparato riproduttore, ben più gravi e a volte letali e di difficile diagnosi. Le patologie genitali potrebbero interessare anche altri organi strettamente legati alla riproduzione e all'allattamento come le mammelle che spesso vengono colpite da mastiti o tumori mammari che possono anche ulcerarsi e dare metastasi anche agli organi vicini. Per questo è sempre utile fare una visita alla cagna prima di un allattamento. Ma anche in situazioni normali e non di allattamento la femmina potrebbe riscontrare patologie all'apparato riproduttore come ad esempio la vaginite che non è letale ma è molto fastidiosa e porta a prurito ed incontinenza e colpisce sopratutto le cagne nel periodo del calore o a volte dopo una sterilizzazione. Ma anche le cagnoline di pochi mesi possono soffrirne e presentano uno scolo vaginale purulento che và trattato con antibiotici debellando la malattia in alcune settimane. Altre patologie possono riguardare organi interni come l'utero e sono l'endometrite una patologia ben più grave se non viene diagnosticata in tempo che provoca l' infezione dell' utero provocando inizialmente inappetenza, la cagna beve molto, dorme molto e può presentare delle perdite vaginali che imbrattano i genitali accompagnata da febbre. O la piometra conseguente a turbe ovariche in età avanzata provoca una occlusione del collo dell' utero che si riempie di liquido purulento tanto a volte da simulare una gravidanza. Le terapie spesso non sono risolutive e l'intervento chirurgico in alcuni casi è la soluzione più efficace.

Neonatologia canina

Presso l'ospedale veterinario di Roma Eur, gli specialisti in ostetricia e neonatologia rendono disponibili una serie di esami fisici, endoscopici ed ematologici, sia in fase di gestazione per valutare l'andamento della gravidanza sia in fase di parto difficile, sia in fase di neonatalità. La mortalità del neonato si manifesta sopratutto dopo il parto, quando lo stress fisico prende il sopravvento nelle prime fasi di vita. Ma ache dopo la nascita, durante le prime settimane di vita, possono comparire delle malattie, alcune comuni, per le quali solitamente si inizia a vaccinare il cucciolo tra i 42 e i 56 giorni, come la Parvovirosi, il Cimurro, la Leptospirosi, l’Epatite infettiva e la Parainfluenza (o Laringotracheite infettiva), e dopo 20-30 giorni si fa il richiamo. Ed altre più rare da diagnosticare, per le quali non è possibile effettuare vaccinazione, come ad esempio la sindrome del cucciolo nuotatore è una anomalia dello sviluppo dei cuccioli di alcune razze di cane come ad esempio il Terrier Scozzese, il Basset Hound, Bulldog Inglese, ma anche talvolta nei gatti, provocata pare da alterazioni neuromuscolari dovute a una ritardata formazione della guaina mielinica dei nervi periferici. È una patologia rara, che è possibile notare già dalla seconda settimana di vita e si manifesta con debolezza dei soggetti che stentano a mettersi in piedi e a camminare. I neonati nonostante tale disfunzione, si nutrono normalmente e si accrescono spingendo però tutto il peso verso lo sterno causando una compressione dorso addominale e della regione pelvica che causa infine un malposizionamento della membrana laterale tanto da rendere impossibile la tenuta del corpo ed inducono il piccolo a compiere movimenti che ricordano il nuotatore. Le cure, se fatte tempestivamente possono anche guarire l'animale quasi completamente, ma se la sindrome non viene individuata in tempo sono spesso paliative.